Coppie – Valigia Blu

Menu

 

Una legge sui diritti civili potrebbe cambiare in meglio la mia vita di eterosessuale, perché mi sentirei cittadino di un paese più civile e più rispettoso della dichiarazione universale dei diritti umani, che proclama l'uguaglianza di tutte le persone in dignità e diritti, indipendentemente dal loro orientamento sessuale. L'assenza di una legge sui diritti civili mi ha complicato la vita perché ha costretto molti miei amici all'espatrio solo perché in Italia non venivano riconosciuti i loro diritti, e hanno pensato bene di trasferirsi altrove. Vorrei che lo stato non obbligasse all'espatrio alcune minoranze a cui si negano diritti civili, perché la pratica del 'confino' per gli omosessuali è un retaggio del fascismo di cui dovremmo sbarazzarci al più presto, anche se quel confino oggi lo chiamiamo 'fuga di cervelli'. Un cervello e un cuore dovrebbero 'fuggire' per loro scelta, e non per una classe politica omofoba che insegue il consenso di un elettorato ignorante, schiacciato nell'ignoranza anche e soprattutto dai politici che seminano propaganda omofoba per ottenere facili consensi.

Categories:   Segnalazioni

Comments